Sacchi: "L'Italia ha un problema culturale, sconfitta non improvvisa". Poi il nome del nuovo CT

Scritto da Redazione in Interviste14 NOV 2017 ORE 20:55

(ANSA) - ROMA, 14 NOV - "Questa sconfitta non è arrivata improvvisamente, perché noi arriviamo da due Mondiali disastrosi". Arrigo Sacchi non è sorpreso più di tanto dalla mancata qualificazione dell'Italia dal Mondiale. "La formazione giusta è figlia di tante valutazioni e diciamo che se mancano tutte queste componenti rischi di essere anche sfortunato - spiega l'ex ct a Premium - L'Italia ha un problema culturale: consideriamo individuale quello che invece è uno sport di squadra". Ventura? "I fischi sono figli del risultato, perché si giudica sempre quello, e non del lavoro: non si può mettere in discussione una lunga carriera che è stata di un buon livello. In queste situazioni si cerca sempre il capro espiatorio: ci mettiamo a posto la coscienza allontanando il singolo. Ma non è mai il singolo a determinare i risultati". Poi il nome del possibile CT del futuro: "Ancelotti? È un grande, ma vogliamo aiutarlo? Allora dobbiamo fare molte cose diversamente da come le abbiamo fatte fino ad adesso".

Potrebbe interessarti
Seguici su Facebook per commentare le notizie