Caressa: "Italia fuori, io già lo sapevo. La verità su Ventura. Insigne? Capita spesso..."

Scritto da Redazione in Interviste14 NOV 2017 ORE 11:48

Il giornalista, conduttore e telecronista di Sky Sport, Fabio Caressa ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni dell'emittente satellitare. "Dico da un anno e mezzo che non saremmo andati ai Mondiali. Già lo sapevo. La nostra Nazionale è finita quando il CT ha parlato di troppa pressione contro il Liechtenstein. I giornalisti che seguono la Nazionale sanno benissimo come stavano le cose. Lo sanno da tempo. Bisognava avere il coraggio di cambiare dopo la gara con la Spagna. Facile ora sparare sulle ambulanze, ma non si arriva mai ad un certo livello con una storia che ti porta da un'altra parte. La verità è questa. Per arrivare a certi livelli, devi aver fatto certi percorsi. Mi riferisco a Ventura. Serve un assemblatore, qualcuno che sappia mettere insieme i ragazzi, anche part-time, riuscendo a gestire le pressioni esterne. Per farlo, però, devi essere abituato a lavorare ad alti livelli. Non voglio infierire, ma è inutile nasconderci: la carriera di Ventura verrà ricordata per questa partita. E' ingeneroso, non è colpa sua, ma è così. Lorenzo Insigne doveva giocare? Purtroppo capita spesso con gli allenatori italiani che antepongano le loro idee all'oggettività".

Potrebbe interessarti
Seguici su Facebook per commentare le notizie