"Offesi i napoletani e la memoria di Troisi". Movimento Neoborbonico: "Denunciare il giornalista razzista"


Redazione
Varie
9 MAR 2019 ORE 16:23

I neoborbonici hanno invitato il sindaco di San Giorgio ad utilizzare l'eventuale somma del risarcimento dei danni per la ragazza vittima della violenza.

Il Movimento Neoborbonico ha inviato al sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, la richiesta di un intervento legale contro un giornalista, tale Vittorio Lussana, che sui suoi spazi social ha offeso in maniera gratuita la città di San Giorgio e i Napoletani. Lussana (che risulterebbe direttore di diverse riviste online), dopo il grave episodio di violenza contro una donna, ha dichiarato di disprezzare la città vesuviana "con tutto il cuore come la località più arretrata d'Europa": si tratterebbe, per Lussana, della "spia più evidente di una popolazione, quella napoletana, consuetudinaria, bugiarda e sleale, che considera il cibo una sorta di totem tribale, che non conosce regola né legge, che finge una simpatia teatrale sostanzialmente al fine di dissimulare un egoismo individualista gretto e meschino, che teorizza unicamente il metodo del ricatto, della calunnia e della truffa per vivere".

Inevitabile anche un'offesa alla memoria del grande Troisi: "è persino incredibile che un ragazzo splendido come Massimo Troisi abbia avuto i propri natali in una zona del Paese che più incivile, parassitaria e maledetta di così è impossibile immaginare". Il suo "rancore" non sarebbe il frutto di un "razzismo" contro i meridionali ma solo contro i Napoletani "cattolici tradizionalisti miserabili, inchiodati alla supplica paternalista borbonica" e che avrebbero votato per i Savoia "per abitudine alla sudditanza e alla dissimulazione". 

Al di là degli aspetti preoccupanti di queste parole, si configurano i reati di calunnia e diffamazione ai danni di un'intera popolazione e anche di "istigazione all'odio razziale" in un periodo tra l'altro delicato e complesso per Napoli e per il Sud dell'Italia. Di qui l'invito al sindaco di San Giorgio per un intervento legale e anche presso l'Ordine dei Giornalisti per dimostrare a Lussana che è falsa anche un'altra sua strana tesi (nel Napoletano non si trova "mai alcuna realizzazione concreta di quanto si dice o si afferma"). I neoborbonici hanno invitato anche il sindaco ad utilizzare l'eventuale somma del risarcimento dei danni per la ragazza vittima della violenza e per le famiglie disagiate della zona.

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Manolas, ancora problemi fisici: in dubbio per Milan-Napoli. Allan e Ghoulam lavorano a parteKarius, alla fidanzata piace l'uomo macho. Arrivano le rivelazioni di Sophia: "Mi chiude la..."
Ag. Di Lorenzo: "Sceicco a Napoli? Vi dico la mia su De Laurentiis. Multe ai calciatori? Conosco la verità"CRONACHE - Ammutinamento Napoli, De Laurentiis non arretra: al via l'azione legale su due fronti!
IL ROMA - Milik, infortunio più serio del previsto: preoccupano i tempi di recupero, Napoli in ansiaCM.COM - Napoli, caos intorpidito dalla pausa nazionali: alcuni "ribelli" dispersi nel mondo
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.