Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.

Napoli, il mistero di Kabine

Scritto da Redazione in Varie5 SET 2012 ORE 17:57

Il giocatore è di proprietà del Napoli, gioca nel Carpi ma non si riesce a capire perchè la società partenopea lo abbia acquistato.

Milano, 30 gennaio 2012. Il registro trasferimenti della Lega Serie A segnala l'acquisto a titolo definitivo di Mehdi Kabine da parte del Napoli. Una notizia che suscita un certo disappunto presso i tifosi che in quelle ore si aspettavano ben altro tipo di operazioni. E' subito una corsa alla ricerca di informazioni su questo nome tanto esotico quanto sconosciuto. I dati che emergono non sembrano esaltanti. Trequartista o seconda punta di tecnica e fantasia, 28 anni da compiere a giugno e una lunga trafila nelle serie minori nostrane dopo l'addio al Treviso che lo ha tenuto fuori rosa per diverso tempo. Milita nel Carpi, dove non risulta nemmeno titolare. Ma ci pensa l'intervento di autorevoli opinionisti a dissipare i dubbi sui reali motivi del trasferimento. Kabine è di origini marocchine e pertanto verrà utilizzato dal Napoli per liberare uno slot da extracomunitario. Un giochino che in tempi recenti va tanto di moda: comprare un giocatore non europeo dalle serie minori e subito dopo rivenderlo all'estero per poterlo sostituire con un calciatore utile alla causa. Intanto il Napoli chiude il mercato senza ulteriori colpi e, contestualmente, cede in prestito Kabine al Carpi sino al termine della stagione, in modo da riaccoglierlo la stagione seguente e disporne il trasferimento altrove per i motivi sopra esposti. Ma i conti non tornano.

Spulciando la rete si può infatti rintracciare un'intervista dello stesso Kabine alla Gazzetta di Modena: "Sono nato in Marocco, ma da sempre vivo in Italia e quest'anno chiederò anche la cittadinanza". Le parole risalgono al 1 novembre 2011, vale a dire tre mesi prima della trattativa portata a termine dal Napoli. In effetti lo stesso curriculum dell'attaccante indica che la sua permanenza in Italia va avanti da almeno un decennio, il termine minimo per chiedere la cittadinanza italiana. Kabine sta per diventare un nostro connazionale e pertanto cadrebbe alla base la motivazione addotta per questo trasferimento. Se poi sussistessero delle incertezze circa una motivazione tecnica, ci pensa lo stesso Kabine a spazzarli via dichiarando la sua frustrazione per lo scarso utilizzo in squadra: "Penso di essere pronto per la C1 e penso di potermi giocare le mie carte dopo tanta gavetta in Seconda divisione. Capisco che il Carpi ha tanti attaccanti forti, ma sono convinto che anche io posso ritagliarmi il mio spazio. Nove tribune sono tante, ma i compagni mi hanno sempre fatto sentire parte della squadra".

Un atleta di quasi 28 anni che fatica a trovare spazio in Lega Pro e che ha raggiunto il suo picco con la Sacilese in D, perchè dovrebbe interessare una squadra con ambizioni di vertice in serie A? Per via della sua nazionalità? Kabine sta per divenire italiano, quindi ingaggiare lui o un qualsiasi altro elemento preso a caso dall'almanacco avrebbe lo stesso effetto. Il mistero si infittisce la scorsa estate. Di Kabine non si hanno notizie certe, finchè il suo nome compare nei convocati per il ritiro del Carpi e iniziano a trapelare informazioni circa un rinnovo di contratto con il Carpi per un anno. Dunque i casi sono due: o il Napoli ha rinnovato il prestito o lo ha ceduto a titolo definitivo. Ma di tutto ciò non c'è alcuna traccia. Kabine la scorsa domenica ha fatto l'esordio stagionale con la maglia del Carpi. Una trasferta vittoriosa sul campo del Trapani.

Quale sarà il suo futuro? E soprattutto, cosa ha spinto il Napoli ad acquistarlo lo scorso inverno? Impossibile dare una risposta. I partenopei in questa sessione di mercato hanno ceduto Lavezzi e Chavez all'estero, e come extra UE hanno prelevato il centrocampista Derick Appiah dal campionato ghanese. Gli altri nuovi stranieri sono tutti comunitari: Uvini - doppio passaporto - il polacco Lasicki, il belga Omar El Kaddouri e l'ungherese Novothny riscattato dal Veszprem. Aspettiamo il prossimo giugno, quando forse Kabine farà finalmente ingresso a Napoli. Fino ad allora possiamo soltanto formulare ipotesi. Al momento gli unici dati utili per la nostra analisi sono i rapporti tessuti nell'inverno 2012 tra Carpi e Napoli. Il 17 gennaio scorso, infatti, è arrivata l'ufficialità del prestito del giovane Daniele Donnarumma agli emiliani, circa due settimane prima dell'accordo per Kabine. Evidentemente i contatti avviati tra le parti hanno consentito di estendere il discorso anche al fantasista italo-marocchino. Del quale è nota la passione per il poker. Magari la prossima carta che pescherà dal mazzo sarà una grande "Enne" azzurra.

Fonte: Tuttomercatoweb.com

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie