Milan, Theo Hernandez: arrestata la modella che l'aveva accusato di stupro, sospetto confermato


Redazione
Varie
16 GEN 2020 ORE 14:42

Arrestata la modella che aveva accusato il calciatore attualmente al Milan, di stupro, confermato il sospetto che avevano gli inquirenti.

Theo Hernandez sta disputando una grande stagione al Milan, ma in Spagna è balzato alle cronache per il suo passato. La modella ispanico-russa, Luisa Kremleva, nota per aver partecipato a programmi televisivi, aveva denunciato nel giugno 2017 il calciatore, attualmente in rossonero, per averla aggredita nel parcheggio della discoteca Olivia Valère, a Marbella. La denuncia è stata respinta, il sospetto era che l’accusa fosse inventata. Nelle ultime ore il sospetto è stato confermato. Come riportato dal “Diario Sur”, il tribunale di Marbella ha ordinato la ricerca e l’arresto della modella iberica.

La bella modella è stata arrestata lo scorso lunedì dalla polizia nazionale, che l’ha portata dal giudice di turno che le ha comunicato le accuse pendenti. Nella denuncia la modella aveva raccontato di essere stata con il giocatore in un night club e poi di essere andata nel Porche Cayenne Porche del giocatore dove avrebbero iniziato ad avere rapporti amorosi. Ad un certo punto lei gli avrebbe chiesto di fermarsi e lui si sarebbe rifiutato continuando coi suoi istinti. La modella aveva parlato di “una lotta tra loro e che lui aveva continuato ad assalirla  per poi buttarla fuori dalla macchina”.

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Giuntoli, corsa in treno a Milano per accontentare Gattuso! Il retroscena di mercatoSconcerti: "E' arrivato un messaggio per il campionato. La Roma è meglio di altre 15 squadre"
Juventus, Pjanic tira in ballo il Napoli: "Gattuso è preparato, sono in difficoltà. Sarà difficile per noi"Di Marzio: "Politano diverso da Callejon. Senza Champions si perdono 40 milioni, ma il vero flop..."
Crosetti: "Devo fare outing, rischio seriamente di infatuarmi di un calciatore della Juventus"Insigne e Mertens, l'avvocato: "L'ammutinamento fu un comportamento legittimo. Vi spiego tutto"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.