Già rubato l'albero in Galleria Umberto. I tifosi della Juventus ironizzano: "E poi ci chiamano ladri"

Redazione » Varie7 DIC 2018 ORE 12:49

Il tronco risulta tagliato di netto: opera, probabilmente di alcune bande di vandali. Sul web alcuni tifosi della Juve hanno ironizzato.

Tagliato e portato via. Ormai è un copione che si ripete da anni. E questo 2018 non fa eccezione: è durato meno di tre giorni l’albero di Natale sotto la Galleria Umberto. È stato rubato stanotte, con un consueto blitz che ha lasciato integro soltanto il vaso della pianta. Il tronco risulta tagliato di netto: opera, probabilmente di alcune bande di vandali, che collezionano in questo periodo quanti più fusti di legno, in vista del grande “fucarone” del prossimo 17 gennaio, nei Quartieri Spagnoli, in onore di Sant’Antonio. In mattinata i carabinieri ritrovano l'albero in via Santa Maria Ognibene, nella zona della cosidetta "parrocchiella".  L'albero, che era stato tagliato alla base, era stato trascinato con delle corde da un motorino e posizionato momentaneamente in strada.

Sul web alcuni tifosi della Juventus non hanno perso modo per ironizzare e pungere i napoletani: "E poi ci dicono che noi rubiamo gli Scudetti", "Si rubano da soli", "Poi chiamano a noi ladri, assurdo".

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie
GAZZETTA - Dubbi sul futuro di Verdi, in questi tre mesi si gioca la riconferma! Giovedì...IL MATTINO - Lozano primo obiettivo del Napoli! Ad Ancelotti piacciono anche due bomber italianiPRIMA PAGINA IL MATTINO - Salviamo il campionato con i play off! Il calcio è diventato noioso
PRIMA PAGINA CORRIERE - Scontro totale tra Juve ed Inter! Sarri fa crack. Pro Piacenza esclusaPRIMA PAGINA TUTTOSPORT - Marotta-Paratici, che botti su Icardi! Sinisa stop. Palermo salvoPatto Europa League nello spogliatoio! Koulibaly alza la voce, Zielinski ci crede. Retroscena su Ancelotti
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.