Milik: "Dopo la partita di Liverpool, in hotel, Ancelotti si avvicinò a me e mi disse che non dovevo..."

Redazione » Interviste13 FEB 2019 15:55

L'attaccante polacco del Napoli spiega: "Quando tornammo in Hotel, il mister si è avvicinato a me per dirmi di non pensare troppo a quella partita".

Arek Milik, attaccante del Napoli, ha rilasciato un'intervista al portale SportoweFakty. Ecco un passaggio in cui racconta i momenti successivi alla sconfitta di Liverpool che è coincisa con l'eliminazione dalla Champions League: "Liverpool? Dopo la partita, in hotel, Ancelotti si è avvicinato e mi ha detto di non pensarci troppo. Aveva ragione".

Poi Milik ha aggiunto: "Il calcio è questo: non possiamo riflettere troppo sul passato e su quel che è successo. In quel momento pensavo alla partita successiva col Cagliari: infatti subito dopo segnai al novantesimo su punizione".

Potrebbe interessarti
Ultimissime notizie
PRIMA PAGINA CORRIERE - Zapatazo, l'Atalanta vince al San Paolo. I sei giocatori che CR7 vuole alla JuvePRIMA PAGINA TUTTOSPORT - La Juve che verrà, Chiesa e Pogba. Atalanta favolosa a NapoliScotto: "Striscione pro-Sarri esposto per un solo motivo. Nessuna polemica sul Napoli attuale"
Fedele: "Stagione non soddisfacente, società poco chiara. Ecco i tre acquisti che deve fare il Napoli"VIDEO - Chiariello: "Popolo volubile, non meritate Insigne!". Il fratello del 'Magnifico' lo applaudeFontanella: "Braccio di ferro in corso tra Ancelotti e i partenti. Insigne? Per me è già andato via"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.