Mertens: "Io non sono Milik. Udinese? Abbia paura! Arsenal tosta. Hamsik ama Napoli. Insigne sta meglio, Fabian..."


Redazione
Interviste
16 MAR 2019 ORE 14:19

Dries Mertens ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Goal, trasmissione di Kiss Kiss Napoli.

Dries Mertens ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Goal, trasmissione di Kiss Kiss Napoli. "Sto bene, il gol mi manca ma io non nasco bomber, per me è sempre stato più importante fare assist e lavorare per la squadra. Nono sono come Milik che ha fame di gol. Mi annoia non farne, ma mi interessa di più passare il turno e andare avanti in Europa League. Arek fisicamente mi somiglia? Abbiamo entrambi un bel naso, se faccio gol magari me lo tira lui. Arsenal? Siamo contenti del sorteggio. Sarà dura, ma se non vinci queste gare poi non vinci neanche l'Europa League. Vogliamo andare più avanti possibile. Non sono mai stato a Baku, speriamo di andarci presto in finale".

Mertens ha aggiunto: "A Salisburgo non abbiamo fatto il nostro gioco, ma siamo passati lo stesso. La squadra è cresciuta dopo la Champions, ora siamo più forti. Udinese? Sarà importante fare bene. In coppa siamo andati avanti, ma dobbiamo continuare la nostra striscia in campionato. E' importante che gli avversari abbiano paura di te. Se ad Udine hanno visto la nostra ultima prestazione, ora avranno più coraggio. Ci devono temere. Si deve crescere. Ancelotti ci ha detto che abbiamo pareggiato troppe gare. La partita di domani sarà molto importante. Abbiamo passato il turno in Europa, ma non possiamo gestire così le partite. Dobbiamo mostrare il nostro gioco in coppa come in campionato, cosa che non è successa a Salisburgo. InsigneSta un po' meglio di quanto pensassimo. Adesso arriva la sosta delle Nazionali, può recuperare. Meglio che non vada, così si riposa. Abbiamo bisogno di lui. Fabian? Sono contento di lui, all'inizio era un po' timido quando è arrivato e gli ho aperto un po' la testa. Tra due o tre anni, vedrete, giocherà in un'altra grandissima squadra. Ha dinanzi a sé un grande futuro. Hamsik? Marek ama Napoli. Ha fatto una scelta importante, forse era un po' stanco ed ha voluto provare qualcosa di nuovo. Cosa ho di speciale? Non solo. Il calcio per me è importante, vivo bene grazie a questo. Il mio rapporto con Napoli? Amo questa città. Devo ridere sempre e se la mattina arrivo al campo e Starace mi porta il caffè, mi rende orgoglioso. Regalo sorrisi e ne ricevo. Spero che domani possa fare gol. Mi hanno insultato un po' per il fantacalcio: ho fatto perdere tanta gente (ride, ndr)".

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Arsenal, Keown distrugge Nicolas Pepè: "Spesi 80 milioni e giocano meglio i ragazzini"Costacurta: "Di Lorenzo prossimo titolare in Nazionale! Che sorpresa Mario Rui: si rivela stratega"Di Marzio: "Il Napoli corre il Giro d'Italia, a Torino e Firenze non era lui: non può assaltare Fort Apache"
Convenzione San Paolo, fumata grigia tra Comune e Napoli: Borriello si defila, non c'è data per l'incontroFedele a Reja: "Dopo Padre Pio vieni tu, con Hysaj hai fatto il miracolo: ti faranno una statua!"Adani: "Ma cosa succede alla Lazio? Era più in forma di Napoli e Juve! C'è una parola chiave..."
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.