Inter, Marotta: "L'Italia non è un paese razzista, ingiusto chiudere lo stadio. C'è bisogno di..."


Redazione
Interviste
13 GEN 2019 ORE 18:16

Il dirigente nerazzurro ha parlato anche della Coppa Italia: "Il fattore ambientale è inedito: serve più motivazione, Benevento non ha nulla da perdere".

Intervenuto ai microfoni della Rai, Beppe Marotta - direttore dell'Inter - ha parlato della sfida di Coppa Italia contro il Benevento e ha detto la sua anche sul tema del razzismo negli stadi non nascondendo il proprio disappunto per la chiusura di San Siro dopo i fatti del 26 dicembre scorso: "Sappiamo che oggi il fattore ambientale è inedito e bisogna avere più motivazione perché il Bevenento non ha niente da perdere".

Poi Marotta ha spiegato: "Il razzismo è un disagio sociale della nostra società civile, c’è bisogno di tutti gli enti per creare un’attività di cultura. L’Italia non è un paese razzista. Credo non sia giusto chiudere tutto lo stadio”.

Potrebbe interessarti
Ultimissime notizie
Sarri: "Fumo 60 sigarette al giorno! A Napoli c'era una mascotte: veniva sempre a Castel Volturno"PRIMA PAGINA CORRIERE - Manolas-Diawara: sì! Lazaro è dell'Inter. Commisso blinda ChiesaPRIMA PAGINA TUTTOSPORT - Un muro per Sarri. Gigio ai saluti, Reina titolare. Inter, che colpi!
SPORTITALIA - Manolas-Napoli, tutto confermato: la storia nasce ad aprile e va in porto!Del Genio: "Lo stesso amico che mi disse di James, mi dice che ADL si sta muovendo per Ibrahimovic!"Atletico Madrid, offerta monstre per Joao Felix: 126 milioni! Il Benfica risponde: "La analizzeremo"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.