Giaccherini: "Non sarei mai andato al Napoli, vi racconto cosa faceva Sarri. A Conte devo tutto"


Redazione
Interviste
11 OTT 2019 ORE 15:42

L'ex giocatore del Napoli ha parlato nel corso di una intervista rilasciata a QS dove ha messo in evidenza alcuni retroscena sulla sua carriera.

Emanuele Giaccherini in un'intervista rilasciata al QS ha parlato di Conte, della Juve e di alcuni temi attuali. Su Conte: "A lui devo tutto. E’ un tecnico che in guerra si mette in prima fila, ti dà grande fiducia, ti tira fuori il massimo e anche di più. Guardate come stanno rendendo i vari Sensi, Barella e Candreva all’Inter. Ora all'Inter? Non mi fa strano, è un professionista vero: sono contento per lui, è tra i migliori al mondo. E poi anche quando sono andato alla Juve tutti sapevano che ero tifoso interista: ora che sono fuori dalla A, un po’ di simpatia per l’Inter mi è tornata, soprattutto perché c’è il tecnico che mi ha esaltato". 

Un episodio per capire chi è Conte?

"Quarti di Champions, ritorno col Bayern, dopo aver perso 2-0 là: entriamo negli spogliatoi e sulla lavagna troviamo scritto ‘If you want, you can’. Se vuoi, puoi: questa è la sua filosofia".

Ma è vero che quando la Juve la cedette al Sunderland, Conte andò su tutte le furie?

"Sì, non voleva, si mise di traverso, mi telefonava spesso. Ma la società faceva una plusvalenza e io avevo la chance di andare in Premier: alla fine si rassegnò".

Dopo San Siro la corsa scudetto è già chiusa?

"No, il campionato è apertissimo, c’è anche il Napoli. E poi Conte, sono sicuro, non mollerà un centimetro".

Neanche Sarri a Napoli voleva cederla, però non la faceva giocare mai?

"Ero un incedibile pur stando sempre fuori. A livello umano lui parlava pochissimo con quelli che giocavano meno e io, per come sono fatto, non andavo a chiedere spiegazioni: pensavo a lavorare. Ma non ho nessun rancore verso di lui".

Adesso che è alla Juve Sarri sembra più aperto verso il turnover?

"Farlo con una squadra così è più facile: ci sono tanti fuoriclasse, togli Dybala e metti Higuain". 

Su Juve-Bologna?

"A Bologna ho lasciato il cuore, non sarei mai andato al Napoli: avevo già l'accordo per restare, purtroppo Corvino se ne andò e il club cambiò idea. Ora i rossoblù hanno un grande tecnico, Mihajlovic che sta affrontando una battaglia enorme, ma sono sicuro che la vincerà. Stavo per andare al Toro quando c'era lui, parlammo al telefono e capii che era un uomo vero". 

Potrebbe interessarti
 
Ultimissime notizie
Il Napoli pareggia con l'Udinese, la reazione di De Laurentiis. Il patron era a RomaLDT - "Sentiamo parlare di un grande colpo per il Napoli, ma a cosa serve? C'è un problema enorme"
Napoli, tifosi furiosi: "Brutta scena dopo il goal di Zielinski. Via Ancelotti, il ciclo è finito"Adani spiazza tutti: "La più grande delusione del Napoli ha un nome e cognome"
Ancelotti: "Gara a due volti. I giocatori devono giocare per la maglia! De Laurentiis è preoccupato"Alvino: "Primo tempo imbarazzante! Ancelotti? De Laurentiis ha già deciso e non cambia idea"
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.