Direttore Libero: "Titolo terroni? E' un dato di fatto. Termine sdoganato, addirittura ho i calabresi..."

Redazione » Interviste11 GEN 2019 ORE 13:49

Pietro Senaldi, direttore del quotidiano Libero, ha risposto alle critiche suscitate dal titolo comparso sul suo giornale.

Pietro Senaldi, direttore del quotidiano Libero, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Si gonfia la rete, trasmissione di approfondimento sui temi caldi in casa partenopea e non solo, in onda sulle frequenze di Radio Marte. Queste le sue considerazioni: "Il titolo 'comandano i terroni' è una radiografia dei posti di potere in Italia occupati prevalentemente da meridionali. Siamo tutti italiani? Certamente, ma noi evidenziamo un dato di fatto. L'Italia è politicamente spaccata in due. Il termine 'terrone' è stato sdoganato da Pino Aprile. La sua è una provocazione? Anche la mia. Addirittura, noi abbiamo qui a scrivere una persona di Reggio Calabria".

Il direttore ha poi aggiunto: "Vediamo tutti cosa succede in Italia: il Governo non riesce a trovare un'intesa, non è compatto, perché esprime due anime differenti del paese. Sospensione delle partite? Così facendo, si dà il potere in mano a tifoseria becera..."

Potrebbe interessarti
Ultimissime notizie
IL TEMPO - Caccia al nuovo DS, la Roma pensa a Giuntoli! Futuro a sorpresa per Sarri?Moggi riceve un ambito premio, Pistocchi lo distrugge: "In cento anni di calcio...""Il Napoli lo vuole, costa 50 milioni". Barella segna un bel goal e risponde alla scomoda domanda
QUALIFICAZIONI EURO 2020 - L'Italia batte 2-0 la Finlandia. Kean a segno. Quagliarella da brividiIl Senegal vince, battuto il Madagascar. Koulibaly gioca 90 minuti, bella prestazione del difensoreJorginho, cosa hai combinato? Tanti errori del centrocampista: come sono lontani i tempi di Napoli...
Questo sito usa cookie di prime e terze parti a fini statistici, tecnici e, previo tuo consenso, di profilazione, per proporti pubblicità in linea coi tuoi interessi. Leggi le informative sulla privacy e sui cookie. Cliccando "OK" o scrollando la pagina accetti l'uso dei cookie e la nostra privacy policy.