Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.

Ariemma: "Callejon, Mertens, Hamsik e Albiol addio tra un anno? 3 nomi per svecchiare il Napoli"

Scritto da Redazione in Interviste13 OTT 2018 ORE 16:35

Si parla di un interesse del Napoli per Piatek: "Tra tre mesi vale una fortuna se fino a Natale segna con questa costanza e facilità, dunque va preso".

Enrico Ariemma Docente di Lingua e Letteratura latina presso l'Università di Salerno e grande tifoso del Napoli, ha realizzato una interessante analisi sulle possibili mosse di mercato del club partenopeo: "Prima di provare a capire se Piatek possa fare al caso del Napoli, si tratta di verificare se il Napoli lo possa prendere. La media gol è da alieno, quasi due a partita se ci mettiamo pure la quaterna in la Coppa Italia, e in qualche modo questa assurda frequenza pare idonea a definire il grande stoccatore nella piccola squadra: si gioca per lui, chiama palla, gliela danno, si smarca, tira, segna, “se la sente”, e nel Napoli come andrebbe?

Questo tipo di calciatore il Napoli non lo ha; può giocare con Insigne-Callejon al fianco (ammesso che tra un anno Callejon e l’intera generazione dell’87 - Mertens, Hamsik rimanga a Napoli), ma anche con Milik in funzione di nove e mezzo dietro a lui e vicino a lui, altro che il Kouamé nel Genoa; e per come capitalizza il rapporto palloni ricevuti-tiri in porta scoprendo la palla, per come gioca spalle alla porta, per come colpisce di testa a palla in gioco o ferma, è un giocatore, innestandosi nel Napoli com’è adesso, da 35 gol sicuri senza nemmeno chiedersi come e perché.

Piatek tra tre mesi vale ottanta milioni, se fino a Natale segna con questa costanza e facilità, dunque va preso, se davvero interessa, prima di subito, con assegno quasi in bianco schiaffato sul tavolo di Preziosi, e del resto il suo profilo pare di quelli per i quali De Laurentiis, per fortuna, si incricca.

Perché non c’è futuro senza pianificazione del futuro, e lo svecchiamento cui presumibilmente si assisterà tra un anno (Callejon, Mertens, Hamsik, Albiol, un giovane tra Diawara e Rog), dio voglia senza cessioni altamente dolorose, passa attraverso investimenti corposi: Piatek, Barella, ovviamente Chiesa, magari col rovescio della medaglia di una loro possibile partenza al triplo del costo di impresa dopo un triennio, ad ammortamento pressoché concluso.

Investire ora su nomi come questi ci farebbe mantenere ai livelli tecnici attuali, con risultato forse implementato, per un altro bel numero di anni, senza grossi problemi di bilancio".

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie