Stai bloccando la pubblicità?
La pubblicità è il nostro unico mezzo di finanziamento: senza pubblicità non possiamo lavorare per produrre contenuti che tu puoi leggere GRATIS. Per favore, metti AreaNapoli.it in white-list. Ti ringraziamo in anticipo.

Tutino: "Adoro Hamsik, ma m'ispiro ad un altro campione"

Scritto da Redazione in Interviste10 OTT 2013 ORE 12:30

Gennaro Tutino e Antonio Romano, i due gioiellini della Primavera di Saurini convocati dal cittì Zoratto per gli imminenti Mondiali under 17.

Gennaro Tutino e Antonio Romano, i due gioiellini della Primavera di Saurini convocati dal cittì Zoratto per gli imminenti Mondiali under 17, inizieranno la loro avventura il 17 ottobre negli Emirati Arabi. Gli azzurrini sono radunati a Casorate Sempione, mentre giovedì prossimo è programmata la partenza per Dubai. L'Italia esordirà con la Costa D'Avorio giovedì 17 ottobre, il 20 se la vedrà con la Nuova Zelanda e mercoledì 23 ottobre ci sarà l'ultimo impegno del girone di qualificazione contro l'Uruguay. PianetAzzurro ha avuto il piacere di intervistare in esclusiva, grazie alla disponibilità e alla collaborazione del collega dott. Paolo Arsillo, addetto stampa della Nazionale Under 17, Genny Tutino (Napoli, 20 agosto 1996), seconda punta di grande fantasia e pregiato talento della Primavera del Napoli.

Genny, cosa prova un napoletano a giocare nella squadra della propria città?

"Giocare nella squadra della mia città è un'emozione indescrivibile, un sogno che si avvera. Però, non sono ancora in prima squadra, il massimo sarebbe per me arrivare a quel livello. So che devo lavorare ancora tanto e sodo con il Napoli e la Nazionale per raggiungere il traguardo di arrivare in prima squadra".

Quest'anno in prima squadra ha esordito Radosevic e soprattutto Bariti che giocano qualche volta con te nella Primavera. Tu credi che prima o poi quest'anno possa toccare anche a te?

"Benitez è un allenatore che cura molto i giovani, ecco perchè ha dato questo premio a Radosevic e Bariti. Ora, dipenderà soprattutto da me meritarmi questo riconoscimento grazie al lavoro che farò con il Napoli e la Nazionale sul campo".

Sei una seconda punta molto tecnica, fantasiosa, bravo anche in zona gol. A chi ti ispiri?

"Nel Napoli mi piace molto Hamsik. In realtà mi ispiro a Cristiano Ronaldo".

A proposito di Hamsik, credi che quest'anno il Napoli abbia la possibilità di vincere davvero il tricolore?

"Sicuramente! Il Napoli è una delle squadre favorite per vincere il campionato, anche se quest'anno il torneo di serie A è più equilibrato rispetto allo scorso anno. L'anno scorso c'erano solo la Juve e il Napoli. Quest'anno c'è anche la Roma, c'è l'Inter, il Milan che certamente riprenderà quota, la Fiorentina e l'Udinese che dirà la sua".

Tu credi che il Napoli debba temere più la Roma o la Juventus?

"La Juve è ancora la squadra più concreta e più organizzata. Però, io punto sul Napoli naturalmente".

Ora sei in ritiro con la Nazionale Giovanile, sei uno dei grandi talenti di questa squadra. Tu credi che questa tua esperienza possa essere un ulteriore trampolino di lancio per mostrare tutte le tue qualità e affermarti nel Napoli?

"Questo Mondiale è una grandissima vetrina per noi. Per essere qui in Nazionale significa che ho lavorato bene con la squadra di club".

La Nazionale Giovanile ha delle buone potenzialità per ben figurare al Mondiale Under 17 degli Emirati Arabi?

"Noi ci presentiamo come vice Campioni d'Europa. Abbiamo rispetto per tutti, ma non abbiamo paura di nessuno. Sicuramente non siamo la squadra favorita; altre sono le squadre più blasonate di noi come l'Argentina e il Brasile, in generale le squadre sudamericane che sono le più attrezzate a livello giovanile. Noi siamo un gruppo di ragazzi ambiziosi, pensiamo di andare lì e di far bene".

Passiamo ai grandi. Al prossimo Mondiale in Brasile non arriverai ancora tu, ma sarà convocato molto probabilmente il tuo amico Lorenzo Insigne. Ti rivedi in qualche cosa con il talento di Frattamaggiore?

"Lorenzo è un grande campione, non corriamo. Lui sarà uno degli attaccanti protagonisti della squadra di Prandelli in Brasile".

E' andato via uno straordinario fuoriclasse, Cavani. Adesso al centro dell'attacco c'è Higuain. Ma secondo Genny Tutino chi è più fiù forte il matador o il pipita?

"Sono due giocatori diversi. Cavani è più un uomo d'aria. Higuain gioca più con la squadra, è più tecnico. Sono due grandissimi giocatori, ma io preferisco..., mi piace più Higuain".

Vuoi fare una promessa ai tifosi del Napoli che ti sostengono e credono molto in te. Tu sei il futuro del Calcio Napoli...

"Prometto di dare tutto me stesso sia in Nazionale che con la maglia del Napoli e spero di arrivare dove tutti si aspettano io arrivi".

E speriamo sia così, le promesse ci sono tutte perchè Gennaro Tutino è sicuramente un grandissimo talento e ce lo sta mostrando sia in Nazionale che con la maglia della Primavera del Napoli.

Fonte: Pianetazzurro.it

Ti potrebbe interessare
Ultimissime notizie