Diritti tv per l'estero, l'obiettivo punta ad ottenere 300 milioni. 30 proposte, c' anche Suning

Scritto da Redazione in Varie16 SET 2017 ORE 13:32

Se l’obiettivo della Lega di Serie A era incrementare i ricavi dai diritti audiovisivi internazionali, un primo passo è stato compiuto ieri. Alla presenza del notaio Giuseppe Calafiori, del dg Marco Brunelli, del subcommissario Paolo Nicoletti e dell’ad di Infront Luigi De Siervo si sono aperte le buste delle offerte per i diritti tv della serie A, della Coppa Italia e della Supercoppa italiana relative al triennio 2018-2021. Trenta le proposte pervenute (28 per via telematica, 2 su carta, per 95 pacchetti complessivi). "Nel precedente bando - si legge sul Corriere delle Sera - la Lega di via Rosellini si era affidata a un unico intermediario per la vendita in tutto il mondo (la Mp&Silva: 185 milioni l’introito medio nell’attuale triennio), ora dalla vendita — articolata per continenti, regioni e Paesi — De Siervo punta a ottenere un deciso aumento, fino a 300 milioni a stagione. Secondo rumors, anche Suning per il mercato cinese avrebbe avanzato un’offerta, nonostante la stretta imposta in estate dal governo sugli investimenti nello sport e nell’entertainment. Entro il 29 settembre si terrà un’assemblea per valutare le offerte".

Potrebbe interessarti anche...
Ultime da SKY Sport
Seguici su Facebook per commentare le notizie