Sarri: "Approccio sbagliato! Perso contro testa di serie. Mertens fuori? Vi spiego"

Scritto da Luca Ruggiero in Interviste13 SET 2017 ORE 23:01

Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, ha parlato ai microfoni di Premium Calcio al termine della sconfitta in ucraina per 2-1 contro lo Shakhtar Donetsk. "Perchè è mancato il gioco? Abbiamo avuto un approccio sbagliato alla partita, ed è la terza consecutiva che fatichiamo. In campionato abbiamo rimediato in corsa, ma in Champions diventa più difficile recuperare. Abbiamo reagito più di nervi che di logica. Poi potevamo raddrizzarla, ma non dobbiamo, non possiamo sbagliare gli approcci. Abbiamo pressato male in zona alta, consentendo loro di ripartire e perdendo noi le misure a centrocampo. Non hanno creato tante palle gol, ma ci hanno messo in difficoltà. Con una prestazione migliore potevamo tenerli nella loro metà campo ed aver ragione della gara. Mertens fuori? Dovete mettervi d'accordo con voi stessi, perchè ieri mi chiedevate il contrario! Dires non può giocare tutte le partite della stagione, va anche preservato e deve recuperare; stasera è partito dalla panchina, ma contavo a prescindere di farlo subentrare, perchè è uno che sa dare scosse alla partita, è un calciatore a cui è difficile rinunciare. Stanchezza mentale o fisica? Se fosse fisica, già a questo punto dell'anno, sarebbe precoce. Secondo me il play-off è stato dispendioso mentalmente e, forse, ci ha creato una sorta di appagamento che ci sta danneggiando. Hamsik non brillante? Capita che ci siano momenti no, stasera l'ho visto anche meglio rispetto ad altre gare, ma tornerà lui, ha solo bisogno di tempo per entrare in condizione, ma per entrarci, ha bisogno anche di giocare, per questo lo faccio giocare, ma poi capita che lo sostituisco. Il Napoli si sta imborghesendo? No, ripeto, il problema penso sia la sensazione di appagamento dopo il play-off, non ci sono problemi di quotidianetà. Ma si tratta di uno stato momentaneo che dobbiamo superare, senza dimenticare che abbiamo perso 2-1 in casa della testa di serie del girone... se qualcuno pensava che per noi la Champions fosse una passeggiata, è tornato sulla terra! Serviva una grande partita, non l'abbiamo fatta ed abbiamo perso, ma non è una sconfitta che non potesse essere pronosticabile. Milik? Spende tanto durante le partite ed ha tempi di recupero più lunghi rispetto a Mertens, ma deve giocare perchè è una risorsa preziosa", ha concluso l'allenatore azzurro.

Potrebbe interessarti anche...
Ultime da SKY Sport
Seguici su Facebook per commentare le notizie