Napoli-Benevento, pagelle: Mertens ingordo, Insigne d'autore! Callejon e Allan furie azzurre

Scritto da Luca Cirillo in Campionato17 SET 2017 ORE 17:12

Reina: s.v. Spettatore non pagante, si limita a qualche rifornimento per i compagni. Zero tiri in porta, what else?

Hysaj: 6. Buona e fluidità la capacità di seguire la linea difensiva, intensa anche la fase offensiva.

Albiol: 6,5. Ci si aspettava Maksimovic al suo posto, ma Sarri punta ancora su di lui e lo spagnolo ripaga con la solita leggiadria in contenimento e alla fonte del gioco.

Koulibaly: 6,5. Un pomeriggio di ordinaria amministrazione. Chiude i varchi centrali, dà una mano in regia e si spinge anche in avanti per provare a rendersi pericoloso.

Ghoulam: 6,5. Spinge e ripiega, buona l’intesa con Insigne e Hamsik. Trova anche un assist vincente nell’azione del gol di Lorenzo.

Allan: 7. Un demonio, si avventa su ogni pallone, distribuisce gioco e va a segnare con grande impeto. E' lui, infatti, a sbloccare la partita. Un momento di forma straordinario (dal 72’ Rog: 6. Sostanza e molto furore agonistico, ha tanta voglia di giocare con maggiore continuità).

Jorginho: 6. Vorrebbe calciare lui dal dischetto, ma deve fare i conti con il vorace Mertens. Nel complesso una gara senza particolari affanni. Si limita a dirottare palloni e a dettare il ritmo.

Hamsik: 6. Nella festa del gol ci si aspettava la sua firma. Che non arriva per un soffio quando di testa impegna Belec. In lenta ma decisa ripresa anche se non è ancora il Marek che conosciamo. Mertens almeno un penalty avrebbe potuto lasciarglielo. Ma forse ha fatto bene, Marek non ha bisogno di contentini.

Callejon: 7. Uomo ovunque, in attacco, in difesa e in mediana: trova sempre il modo per incidere. Come quando trova il gol grazie ad una diagonale delle sue. (dal 66' Ounas: 6,5. Una furia nel ripartire palla al piede con giochi di prestigio a saltare gli avversari. Conquista anche un rigore.).

Mertens: 7,5. Un ingordo, non lascia niente al caso: tre gol e un'altra giornata da ricordare anche se contro un avversario modesto. Merita di giocare sempre.

Insigne: 7. Un gol a giro e tante buone giocate. Come Hamsik è sulla strada del totale recupero, ma serve qualcosa in più contro avversarie di livello superiore.

Sarri: 6.5. Serviva una svolta immediata, era necessario ritrovare certezze. Il Mister non rischia, vuole dare ai suoi lo specchio sfruttando il turno favorevole. Buoni i cambi nella ripresa, ma resta l'incognita Maksimovic. Come mai non gioca?

Potrebbe interessarti
Seguici su Facebook per commentare le notizie